Come prendersi cura dell’abbigliamento sportivo

Che sia una pratica comune o un buon proposito che ha deciso di portare a termine costi quel che costi, non c’è niente di meglio che praticare uno sport per rimanere in forma. E per farlo, è necessario essere ben attrezzati. L’abbigliamento sportivo filtra i raggi UV, assorbe il sudore, isola il freddo. Si tratta di tessuti tecnici e delicati come la lycra, l’elastan o il poliestere che richiedono una cura particolare. Nulla di insormontabile, niente panico. Per mantenerli in ottima forma, proprio come lei, è sufficiente allenarsi per effettuare i gesti corretti. Per aumentare la durata di vita dei capi o per eliminare l’odore di sudore, ecco qualche esercizio da fare regolarmente.
Esercizio n. 1

aerare i capi

Alla fine del suo allenamento appallottola la divisa sportiva nella borsa? Arbitro, questo è un fallo. Bisogna sempre appendere e far prendere aria all’abbigliamento sportivo per evitare che gli odori rimangano sul tessuto. Per assicurarsi di purificare i capi e di ottenere il risultato migliore, utilizzi subito il vapore, ad esempio di un purificatore.
Conosce IGGI?
Esercizio n. 2

scegliere la giusta temperatura

Non lavi mai il suo abbigliamento sportivo a più di 30 gradi, altrimenti i tessuti sintetici si rovinano e la loro vita si accorcia. Tuttavia, i lavaggi a basse temperature non eliminano del tutto i batteri. Per evitare le macchie di sudore, lavi il suo abbigliamento sportivo subito dopo l’allenamento, poi lo disinfetti con il vapore.
Il vapore Laurastar elimina il 99,9% di virus, batteri e acari
Homepage article right
        image
Esercizio n. 3

usare il detersivo giusto

Scelga un detergente dolce adatto ai tessuti delicati che non contenga agenti decoloranti, enzimi o azzurranti ottici che decolorano i vestiti e danneggiano il tessuto.
Esercizio n. 4

evitare i contatti

Per evitare lo sfregamento che potrebbe rovinare il tessuto, lavi i suoi capi sportivi al rovescio. Non dimentichi di chiudere gli strappi a velcro e le zip per non avere brutte sorprese.
Se non vuole fare una lavatrice esclusivamente per l’abbigliamento sportivo, una soluzione potrebbe essere utilizzare un sacchetto per il lavaggio.
Homepage article right
        image
Esercizio n. 5

ammorbidenti fuori gioco

Gli ammorbidenti non amano lo sport, ostruiscono le fibre e neutralizzano l’effetto assorbente dei vestiti. E come si può fare sport senza traspirare?
Esercizio n. 6

privilegiare l’asciugatura all’aria aperta

Se utilizza un’asciugatrice, rischia di deformare i suoi abiti sportivi preferiti, quelli che la fanno sempre vincere. Nulla batte il metodo tradizionale e più rapido: l’asciugatura all’aria aperta e all’esterno, se possibile.
Homepage article right
        image
Esercizio n. 7

eliminare definitivamente gli odori

I batteri amano gli ambienti umidi e sono all’origine dei cattivi odori legati allo sport. Il bicarbonato di sodio, l’aceto o il limone possono aiutare, ma si rischia di rovinare i tessuti.
La soluzione più naturale è il vapore. Penetra delicatamente nelle fibre, rimpolpa i tessuti ed elimina il 99,9% dei batteri. Un buon punteggio, vero?
Da utilizzare per costumi, pantaloni da jogging, short, scarpe, asciugamani e tappetini da yoga.
Scelga il purificatore a vapore IGGI